Tesseramento e rapporti con Sez. Tesoreria
Ufficio Stampa
Posta elettronica certificata

Email: airvo@pec.it

Airvo - Associazione Italiana Rivenditori Veicoli d’Occasione logosmall

Associazione Italiana Rivenditori Veicoli d’Occasione

I RIVENDITORI PRESENTANO AL MISE, LA PROPOSTA DI EMENDAMENTO PER IL “NUOVO ECO-BONUS 2019”.

AIRVO: “SOSTITUIRE IL PROPRIO VEICOLO INQUINANTE DEVE ESSERE UN DIRITTO DI TUTTI. PROPONIAMO INCENTIVI ECO-BONUS 2019 ESTESI ANCHE ALL’ACQUISTO DI VEICOLI USATI RECENTI E NON INQUINANTI”.

Torino, 07 maggio 2019,

La normativa ecologica “bonus/malus” si sta rivelando inefficace rispetto agli obiettivi prefissati, e sta avendo un impatto molto negativo sul comparto, soprattutto a causa della linea politica in ambito Automotive adottata dal nostro attuale Governo.

Gli Operatori del settore Automotive e le Famiglie ne stanno già pagando le conseguenze, in quanto continua a perpetrarsi l’effetto negativo di recessione (previsione di chiusura anno 2019 al -6%), che sta devastando l’economia del nostro Paese con ripercussioni negative anche in ambito occupazionale.

Dopo il dialogo con il MISE avviatosi nella giornata del 26 marzo scorso; in data 30 aprile 2019 presso il MISE una delegazione AIRVO composta dal Presidente Ercole Messina e dal Segretario Generale Salvatore Gravina, ha presentato al Vice Ministro On. Dario Galli la Proposta di emendamento ECO-BONUS 2019 che prevede incentivi economici estesi anche all’acquisto di Veicoli Usati recenti e ritenuti non inquinanti.

“Vi è la necessità di introdurre con effetto immediato – spiega Ercole Messina presidente AIRVO – strumenti tecnico-economici che ci consentano di rispettare gli obiettivi europei in ambito di riduzione degli agenti inquinanti e climalteranti e soprattutto di traghettare il Comparto della Distribuzione Autoveicoli oltre l’attuale fase di recessione e verso un mercato maggiormente competitivo prevenendo ulteriori contraccolpi di natura sociale ed economica”.

“Siamo convinti che estendere l’ ECO-BONUS 2019 all’usato aziendale non inquinante e anche km0 – ha commentato Salvatore Gravina segretario generale AIRVO – sia la soluzione giusta per fare ripartire la nostra economia, per sostenere la filiera imprenditoriale Automotive in questa fase di recessione e soprattutto per consentire “a tutti e non solo a pochi eletti” la possibilità di sostituire il proprio veicolo usato inquinante beneficiando di Incentivi Fiscali concessi alle Famiglie e alle Aziende”.